Per la seconda volta sul red carpet della Mostra del Cinema di Venezia, Belen Rodriguez ha catturato l’attenzione di fotografi e curiosi fasciata in un meraviglioso abito rosa, dalla scollatura audace e linee morbide, firmato Alberta Ferretti.
In occasione della prestigiosa kermesse cinematografica Cotril lancia una nuova collezione professionale Color Tech della quale Belen è testimonial, “Red Carpet Stars Collection”, con 8 nuove nuances ispirate al mondo del cinema e della moda, e studiate in base alle tendenze delle ultime passerelle internazionali.

Qual è segreto del colore di Belen Rodriguez

Belen Rodriguez_Cotril 2Color Tech sulla base e Coaree Bleach Powder per tonalizzare le lunghezze, il tutto miscelato a K-Plex Gold e per mantenerlo vivo e brillante nel tempo invece si affida a Creative Walk Color Care, la linea specifica per proteggere e ravvivare il colore lavaggio dopo lavaggio.
Per questa serata così particolare e importante il suo hairstylist ha scelto di realizzare delle flowing waves. Si tratta di onde classiche, ampie, naturali, che valorizzano il suo volto mettendone in risalto i lineamenti e donano un tocco romantico al look.
Il tocco finale prima del red carpet è Creative Walk Wind, la lacca delle star, che fissa i capelli in modo naturale senza appesantirli.

Per il makeup, invece, punta su uno smokey dai toni caldi, sguardo allungato, counturing accentuato e labbra nude ma dal sottotono caldo aranciato.
Un look che sicuramente mette in risalto i lineamenti dolci del viso di Belen Rodriguez ma anche la sua abbronzatura da urlo che , lo ammettiamo, un pò le invidiamo!
L’abbinamento del makeup e il colore del vestito creano un bel contrasto, soprattutto per quanto riguarda le labbra che sembrano quasi di un color salmone.
Un abbinamento particolare e poco scontato adatto allo stile romantico ma provocatorio di Belen e nel complesso ci sembra un look ben riuscito.

Vi è piaciuto questo look?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*