Risparmio e solidarietà, la coppia vincente di Kiabi

Primavera equivale a cambio armadio e nuovi acquisti.
Quante mamme si ritrovano con una montagna di vestiti dei propri bambini che da una stagione all’altra diventano troppo stretti per poter essere usati?
O magari avete deciso di dare una svolta al vostro look e vi ritrovate con abiti ormai inutilizzabili e troppo vecchi.
Se vi trovate in una di queste situazioni KIABI,  leader  francese  della  moda  a  piccoli prezzi, viene in vostro aiuto con un iniziativa che vi permetterà, non solo di risparmiare, ma anche di dare un aiuto concreto a chi ne davvero ha bisogno.

KIABI, infatti, ha deciso di rinnovare la collaborazione con HUMANA People to People Italia Onlus  con  campagna  di  raccolta  abiti “Give  me  5  for charity”.

Il numero cinque non è scelto a caso ma anzi è la chiave di tutta la campagna.
Recandovi in uno dei negozi KIABI dal 18 aprile  al  31  maggio ogni 5 capi consegnati alla cassa riceverete un buono di 5 euro (da spendere su una spesa minima di 45 euro sulla nuova collezione dal 18 aprile all’8 giugno 2017) contribuendo a rinnovare completamente il guardaroba  di  bambini  e  ragazzi  ospitati all’ interno della comunità di FATA Onlus.

Ogni ragazzo, grazie ai capi raccolti, riceverà un kit personalizzato, secondo le sue esigenze, come se fosse un vero e proprio regalo da parte di KIABI ma soprattutto dei suoi clienti.

KIABI non è nuova a queste iniziative benefiche ma al contrario promuove la moda responsabile con una squadra formata da ben 5000 collaboratori coinvolti in progetti in di stampo sociale volti alla solidarietà.

Con “Give  me  5  for charity” abbiamo un occasione concreta per dare anche noi il nostro contributo con gesto semplice che regalerà tanti sorrisi.




Tiziana Ferrara
Tiziana Ferrara

Una bilancia perfetta e alla costante ricerca dell'equilibrio. Solare e positiva, amante del sole, del mare e della mia terra, difficilmente mi lascio abbattere dalle difficoltà. Sono una moderna figlia dei fiori, uno spirito libero, che ha scelto di dedicare la sua vita agli altri senza mai rinunciare a un pizzico di colore e di follia. Non a caso, sono chiamata l'infermiera dalle scarpe fucsia.

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.