Ciclo mestruale: tutto quello a cui non devi credere

Ciclo mestruale: tutto quello a cui non devi credere

Il ciclo mestruale è uno dei processi fisiologici più fastidiosi del mese o per lo meno, così lo descrive la maggior parte di noi donne. Esso è caratterizzato da una serie di cambiamenti fisici, provocati dall’attività ormonale, che aiutano la creazione di un ambiente fertile alla fecondazione. Eppure ancora oggi, per molte culture, le mestruazioni rendono la donna impura e persino pericolosa. Credenze popolari, penserai, antichi tabù che si tramandano da secoli. Già nell’Antico Testamento, per esempio, il sangue mestruale era ritenuto capace di deteriorare i cibi e rendere sterili i campi; Plinio il Vecchio, invece, raccontava che portare una donna mestruata nei campi avrebbe ucciso i parassiti delle piante. Nelle isole Marchesi le donne mestruate venivano segregate per tre giorni mentre tra i maori neozelandesi, si temeva il sangue: gli assorbenti, infatti, venivano confezionati con un muschio particolare e dovevano essere nascosti dalle donne nella foresta.
Da queste tradizioni, forse derivano le regole che ci imponevano da piccole le nostre nonne o zie e che, ingenuamente, abbiamo anche seguito fino a quando col tempo non abbiamo raggiunto la consapevolezza che quello che in quei giorni potevamo vivere le nostre giornate in tutta tranquillità, avendo solo più cura di noi stesse.
Ecco quindi tutto quello a cui non devi credere!

1. Quando hai il ciclo mestruale non devi lavarti i capelli

Falso, si tratta di un antico pregiudizio che non ha alcun fondamento scientifico. Le mie zie sostenevano che lavandomi i capelli, il ciclo si sarebbe bloccato o addirittura sarebbe scomparso per mesi. E se il ciclo arriva proprio nel giorno in cui hai i capelli sporchi? Devi lasciarli tali per ben 5 giorni? È proprio il caso di dire: anche no!

2. Non si può rimanere incinta

Falso. È meno probabile, ma assolutamente non impossibile.

Lascia perdere le credenze popolari, la regola n.1 da seguire dal primo giorno dell’arrivo delle mestruazioni è l’igiene. Ricorda di cambiare l’assorbente almeno ogni 2-4 ore assicurandoti di utilizzare l’assorbente giusto. Gli assorbenti Lines Seta Ultra grazie allo storico (ma innovativo) filtrante Seta (si proprio lui, è tornato!) con i fori a imbuto impediscono al flusso di tornare indietro, garantendo una sensazione di asciutto e pulito imbattibile! Inoltre le ali a forma di farfalla, con una superficie più lunga rispetto a quella degli altri assorbenti Ultra sul mercato, garantiscono una protezione imbattibile dalle fuoriuscite laterali.

ciclo mestruale
3. Se ti fai la doccia il ciclo mestruale si interrompe

Assolutamente no, anzi durante il ciclo l’igiene personale ed in particolare quella intima va incrementata per evitare infezioni o cattivi odori. Sono da controllare solo gli sbalzi di temperatura, perché, se è vero che l’acqua fredda può interrompere temporaneamente il flusso di sangue del ciclo, è anche vero che si tratta di un effetto fisiologico, dovuto al restringimento dei vasi sanguigni causato dall’abbassamento della temperatura, di conseguenza non deve nascere nessuna preoccupazione, perché non si corre nessun rischio.

ciclo mestruale4. Se una donna col ciclo tocca un fiore questo appassisce e muore

Questa è la più bella. Mio padre ancora ci crede e ci vieta di toccare le sue amate piantine affermando che potremmo ucciderle! Ovviamente questo ‘divieto’ non ha nessun senso e certamente non ha fondamenti scientifici. Facciamoci una risata!

Infine, lasciamo i miti e i tabù all’epoca cui appartengono, e impariamo a conoscere il ciclo mestruale e le sue particolarità, assieme a piccoli accorgimenti che possono aiutarci a viverlo meglio!

Buzzoole

Redazione
Redazione

MYBEAUTYPEDIA è un magazine online di tendenze e bellezza delle blogger e digital influencer Biancamaria e Tiziana Ferrara. Costantemente aggiornato, fornisce un personale punto di vista sul mondo della bellezza a 360 gradi attraverso racconti, fotografie, dettagliate recensioni, comunicati stampa e reportage di eventi.

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.